Buone notizie per chi possiede un’auto elettrica, o per chi intende acquistarne una a breve! Arriva il bonus colonnine per aziende, imprese e professionisti. Il Ministero della Transizione Ecologica ha reso noti i criteri e i termini per l’erogazione del bonus colonnine di ricarica, che dovrebbe essere disponibile dall’inizio del 2022.
Di seguito tutte le informazioni necessarie per capire come funziona il bonus per aziende e professionisti.

BONUS COLONNINE ELETTRICHE PER RICARICA – Si tratta di un contributo per l’installazione di infrastrutture utili per ricaricare i veicoli elettrici per aziende e professionisti. È disciplinato dal Decreto MITE del 25 agosto 2021 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.251 del 20-10-2021. Le risorse a disposizione per l’acquisto e l’installazione di colonnine di ricarica destinate a imprese e professionisti ammontano in totale a 90 milioni di euro.

COME FUNZIONA IL BONUS – Le risorse per il bonus colonnine per la ricarica di auto e veicoli elettrici saranno distribuite in questo modo:
> 80% alle imprese per finanziare acquisti inferiori a 375.000 euro. Il 5% è riservato alle imprese che, alla data della domanda di contributo, risultano in possesso del rating di legalità;
> 10% alle imprese per finanziare acquisti uguali o superiori a 375.000 euro. Il 5% è riservato alle imprese che, alla data della domanda di contributo, risultano in possesso del rating di legalità;
> 10% riservato ai professionisti.
Per quanto riguarda le spese ammissibili, secondo quanto riportato dal MITE, il contributo sarà pari al 40% delle spese stesse:
> 2.500 euro per wallbox in AC tra i 7 kW e i 22 kW
> 8.000 euro colonnine in AC tra i 7 kW e i 22 kW;
> 1.000 euro/kW per infrastrutture in DC fino a 50 kW;
> 50.000 euro per colonnina con due punti di ricarica in infrastrutture in DC oltre 50 kW;
> 75.000 euro per colonnina con due punti di ricarica in infrastrutture in DC oltre 100 kW.

Per ottenere il contributo, le colonnine di ricarica devono essere nuove; avere una potenza nominale almeno pari a 7,4 kW; garantire almeno 32 Ampere per ogni singola fase; rispettare i requisiti minimi di cui all’articolo 4 della delibera dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente n. 541/2020/R/ee del 15 dicembre 2020; essere collocate nel territorio italiano e in aree nella piena disponibilità dei soggetti beneficiari; essere dotate di dichiarazione di conformità. 

 I REQUISITI – Il decreto elenca una serie di requisiti che devono rispettare aziende e professionisti che richiederanno il bonus.
Le aziende devono risiedere sul territorio italiano; risultare attive ed iscritte al registro delle imprese; non essere in situazioni di difficoltà; essere in regola con gli adempimenti fiscali; non aver ricevuto né richiesto alcun altro contributo pubblico.
Ai professionisti, invece, è richiesto un volume d’affari non inferiore al valore dell’infrastruttura di ricarica per la quale chiedono il contributo. In particolare, per i professionisti che applicano il regime forfettario, il valore non può essere superiore a 20mila euro. Ciascun soggetto beneficiario può presentare una sola richiesta.

COME PRESENTARE LE DOMANDE PER IL BONUS COLONNINE RICARICA
Ancora non è del tutto chiaro come procedere per presentare la domanda. Ad oggi si sa che le domande potranno essere presentate sul sito Invitalia secondo i criteri e le modalità che verranno definite in un nuovo decreto MITE. 

GLI OBBLIGHI – Chi ottiene il bonus deve: 
> mantenere la colonnina per cinque anni
> consentire e favorire, in ogni fase del procedimento, lo svolgimento di tutti i controlli, ispezioni e monitoraggi disposti dal Ministero o da Invitalia
> corrispondere dati e rapporti tecnici periodici a tutte le richieste di informazioni disposte dal Ministero o da Invitalia allo scopo di effettuare il monitoraggio e la valutazione degli effetti delle agevolazioni concesse
> tenere a disposizione per cinque anni la documentazione contabile
> aderire a tutte le forme di informazione e pubblicizzazione dell’intervento, con le modalità allo scopo individuate, anche con successivo provvedimento, dal Ministero.Naturalmente il bonus può essere revocato se gli accertamenti verificano che non sono state rispettate le disposizioni e gli obblighi. 

 

Newsletter

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle novità

Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento generale sulla protezione dei dati (UE 2016/679). Per ulteriori informazioni, clicca qui - Privacy Policy